SANT’ANNA, LA VERGINE, IL BAMBINO E L’AGNELLO 1510-1513 *STORIA DEL RESTAURO DI UN DA VINCI INASPETTATO*

8-Leonardo-da-Vinci-SantAnna-durante-il-restauro-3COMMUNITY ARTISTICA CULTURALE”IL NOSTRO IMMENSO PATRIMONIO ARTISTICO CULTURALE” Google+Facebook profili personalizzati con Post informativi d’adesione e tutte le connessioni    INVITO in Allegati : *LEONARDO OLTRE LEONARDO* SER LEONARDO DI PIERO DA VINCI ,GENIO E TALENTO UNIVERSALE DEL RINASCIMENTO ITALIANO*15 APRILE 1542 ANCHIANO D’AREZZO+2 MAGGIO 1519 AMBOISE,FRANCIA *CELEBRAZIONE DEGLI ANNIVERSARI* *UN RESTAURO INASPETTATO NELL’ATELIER DI ARCANES, DI CINZIA PASQUALI IL PIU’ INNOVAIVO E ALL’VANGUARDIA DI PARIGI ,FRANCIA – * LA STORIA DEL RESTAURO SUL CAPOLAVORODI *SANT’ANNA,CON LA VERGINE IL BAMBINO E, L’AGNELLINO * 1510-1513/foto  Buon proseguimento di navigazione GRAZIE pittrice artistica Susanna  Galbarini  *PITTURARTISTICA* Portale+Siti+Blog personali omonimi informativi

13332-San_Anna_la_Vergine_e_il_Bambino

Foto-CAPOLAVORO : *SANT’ANNA CON LA VERGINE,IL BAMBINO E L’AGNELLINO*olio su tavola cm 168 x 130 MUSEO DEL LOUVRE,PARIGI,FRANCIA  ARTE.IT online MAPPARE L’ARTE IN ITALIA notizie e informazioni con scheda personale profilo 

artemeraviglia

foto leonardoPer Leonardo l’arte è una scienza e come tale va trattata. Egli infatti ritiene molto importante rappresentare la realtà per quella che è, cioè per come l’immagine viene vista dall’occhio umano, pertanto realizza dei veri e propri disegni preparatori e non dei semplici schizzi per le sue opere, grazie ai quali sarà via via sempre più possibile realizzare opere realistiche e naturali.

Tra il 1501 e il 1503 Leonardo realizza su un cartone preparatorio il disegno di Sant’Anna, la Vergine, il Bambino e san Giovannino per poi dipingere su tavola con la tecnica ad olio tra il 1510 e il 1513 Sant’Anna, la Vergine, il Bambino e l’agnello, opera iniziata a Milano che l’artista ha portato con se durante il viaggio a Roma ma che non è riuscito ad ultimare.

Nel cartone modello la Vergine seduta in grembo a Sant’Anna viene riproposta nel dipinto però non è a sinistra ma…

View original post 605 altre parole

*IL CRISTO REDENTORE* 1519-1520 “CAPOLAVORO DI MICHELANGELO, IN SANTA MARIA IN MINERVA,ROMA,E LA VOCE DI ANDREA BOCELLI CHE CANTA : *GLORIA A TE CRISTO GESU’*

INVITO in COMMUNITY ARTISTICA CULTURALE” IL NOSTRO IMMENSO PATRIMONIO ARTISTICO CULTURALE” aderire con Post informativo in pagine omonime  Google+Facebook profili personalizzati con connessioni

171px-Michelangelo-Christ

Foto-SCULTURA :*IL CRISTO REDENTORE* 1519-1520 MARMO ht.cm 2.05 MICHELANGELO BUONARROTI E’ TORNATO:”VIDEO-MUSICA-ARTE

Stolpersteine: Memorie d’inciampo a Roma – sassi d’arte

COMMUNITY ARTISTICA CULTURALE”IL NOSTRO IMMENSO PATRIMONIO ARTISTICO CULTURALE”Google+Facebook profili personalizzati con connessioni INVITO in Allegati : *27 GENNAIO, GIORNATA DELLA MEMORIA,PER NON DIMENTICARE GLI ORRORI DELL’OLOCAUSTO E LE VITTIME DELLA SHOAH* pittrice artistica Susanna Galbarini segui  PITTURARTISTICA   pagina con tutte le connessioni schindlers-list

Il sasso nello stagno di AnGre

Passeggiando per le vie di Roma ci si può imbattere in un sampietrino davvero particolare: una targa in ottone lucente, che ricopre il blocchetto del lastricato tipico del centro storico della città eterna e che spicca tra tutti gli altri creando un “inciampo” metaforico nella nostra mente, un inciampo nella memoria, nella storia, camminando per Roma. Una pietra che diventa monumento senza emergere dalla terra, ma affondando all’interno di essa.  Non s’impone, ma vi si inciampa casualmente: sono le Pietre d’inciampo (in tedesco Stolpersteine), una iniziativa dell’artista tedesco Gunter Demnig per depositare, nel tessuto urbanistico e sociale delle città europee, una memoria diffusa dei cittadini deportati nei campi di sterminio nazisti. L’iniziativa, attuata in diversi paesi europei, consiste nell’incorporare, nel selciato stradale delle città, davanti alle ultime abitazioni delle vittime di deportazioni, dei blocchi in pietra ricoperti al di sopra con una piastra di ottone. L’iniziativa è partita a…

View original post 445 altre parole

Gli spaghetti ai 4 pomodori, con variante ligure

Fitu Faetu

IMG_8220

I pomodori. Potrei viverci. Quando li lavo e li taglio, mi fermo non so quante volte ad annusarli per sentire il profumo della terra. E sono fortunata, perché fanno bene e perché mio marito e mia figlia li amano allo stesso modo. Sarà perché in gravidanza l’unica voglia che mi è venuta era di pomodori e formaggio grana? Mah. Per cui con sughi, salse o insalate faccio felici tutti. Davvero: c’è qualcosa che metta più allegria di vedere quel rosso a tavola? Per me sono antidepressivi. Hanno l’estate dentro. (PS: per farli piacere ai figli non ho suggerimenti perché come dicevo la mia li divora spontaneamente, ma se avete compagni riluttanti, fate leva sull’ipocondria maschile dicendo loro – è vero – che i pomodori abbondano di licopene, antiossidante naturale che protegge pure la prostata).
Questa è una ricetta semplicissima che ho letto in varie versioni in giro (non pretendo…

View original post 571 altre parole