Le mani e l’anima di “Annibale Carracci”Artista tra il *MANIERISMO e il BAROCCO* 1560+1609

*MADONNA DELLA MANNA CON SAN FRANCESCO D’ASSISI E SANTA DOROTEA* 1600  CATTEDRALE DI SANTA MARIA ASSUNTA o DUOMO DI SPOLETO,PERUGIA,UMBRIA *ANNIBALE CARACCI*

COMMUNITY ARTISTICA CULTURALE “IL NOSTRO IMMENSO PATRIMONIO ARTISTICO CULTURALE” Google+Facebook+Twitter+Linkedin+Pinterest Italia e qui in WordPress BlogRoll personale ……………………… INVITO a seguire Allegati : *RESTAURATA LA CAPPELLA DELLA MANNA DEL DUOMO DI SPOLETO,PERUGIA, UMBRIA che conserva Capolavori tra cui preziosi AFFRESCHI di *FRA FILIPPO LIPPI* Pittore, Religioso1406+1469 e la grande tela di *ANNIBALE CARRACCI* Pittore,Freschista Italiano,Bolognese *BAROCCO* 3 NOVEMBRE 1560+15 LUGLIO 1609 GRAZIE. Buon proseguo d’Anno Nuovo e navigazione.pittrice artistica Susanna Galbarini in *PITTURARTISTICA 36° ANNIVERSARIO*

“INTERNO CAPPELLA DELLA MANNA” del DUOMO DI SPOLETO,PERUGIA BELLAUMBRIA

Foto : “CAPPELLA DELL’ASSUNTA e DELLE RELIQUIE ”  DUOMO DI SPOLETO

Nelle Foto: CATTEDRALE DI SANTA MARIA ASSUNTA o DUOMO DI SPOLETO ,PERUGIA 

MOSAICO BIZANTINO, FACCIATA DEL DUOMO SPOLETO  dettaglio *MADONNE DELLE ANCELLE* XIII° Secolo

Foto: Ciclo Affreschi 1497 : “CAPPELLA DEL VESCOVO EROLI” ,DUOMO DI SPOLETO  *BERNARDINO DI BETTO BETTI* detto “PINTURICCHIO” 1452+1513 Pittore italiano,Perugino 

 

Arte Mosaico Ravenna

C’è del marcio tra le file dei denti dipinti da Annibale Carracci, (1560-1609), dei tre bolognesi il più geniale, fin dagli esordi: si prenda Il mangiafagioli (1584-85 ca.) della Galleria Colonna, che guarda al Leonardo caricaturale come ad un Van Gogh ante litteram.

A fine ‘500, egli vuole raggiungere il vero contro ogni esercizio vacuo dell’ultima Maniera: non a caso è stimato da Caravaggio, a lui contrapposto solo dalla critica posteriore.

Ed è nella Bologna nativa che il giovane Annibale affina l’estro nell’incontro col quotidiano, coi volti della povera gente e le fattezze proprie, lui, figlio umile di un sarto, elevato post mortem all’onore della sepoltura nel Pantheon romano, accanto all’amato Raffaello, cui già in vita fu paragonato per grazia e versatilità nella bellezza e nell’eccellenza dei generi.

Eppure, tanta gloria non deve trarre in inganno: gli anni ultimi a Roma, successivi agli affreschi (1595-1600) commessi dal cardinale…

View original post 494 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.