MUSEI CAPITOLINI: il Gabinetto della Venere

Blog Musei in Comune Roma

Percorrendo il corridoio superiore di Palazzo Nuovo, in una prospettiva affascinante di marmi e statue, fa capolino uno dei posti più seducenti del Museo: il Gabinetto della Venere. La luce, proveniente da un lucernaio in cima alla piccola cupola dell’ambiente ottagonale in cui è posta la statua della Venere Capitolina, bagna le curve del suo corpo esaltandone la morbidezza. La Venere, il cui tipo deriva da quello dell’Afrodite Cnidia di Prassitele, è eccezionalmente ben conservata.
La dea è nuda, ritratta in un gesto sensuale e pudico con le braccia disposte a celare alla vista dello spettatore le armoniose forme del corpo. Gli oggetti che accompagnano la figura la nudità e la pettinatura alludono al bagno lustrale della divinità.
La scultura, di dimensioni leggermente superiori al vero, fu rinvenuta tra il 1667 e il 1670 nei pressi della basilica di S.Vitale tra il Quirinale e il…

View original post 59 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...