Domina-Dominae

art4arte

seconda parte

LAVINIA FONTANA

(Bologna 1552 – Roma 1614)

Figlia del pittore Prospero Fontana, manierista bolognese collaboratore di Perin del Vaga e di Antonia de’ Bonardis, figlia a sua volta di uno dei tipografi più importanti di Bologna. Venne dal padre istruita nella pittura nella sua bottega, dove conobbe grandi artisti come i Carracci e Giambologna, eruditi e committenti. La sua formazione è di matrice raffaellesca sebbene in seguito soprattutto dopo il suo trasferimento a Roma Lavinia si accostò alla pittura michelangiolesca di Taddeo Zuccari. Ascendenze fiamminghe nei paesaggi e uno spiccato interesse aldovrandiano verso la natura si mescolano con un colore morbido e sensuale molto prossimo al Correggio. Studiò molto le opere dei pittori che trovava nelle chiese de nelle case della sua città: Pellegrino Tebaldi, Niccolò dell’Abate e Parmigianino.

Le sue prime opere sono ritratti di personaggi di tre quarti davanti a ampie scene prospettiche, seguendo l’impostazione paterna.

I…

View original post 558 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...